ab-strike
AB-STRIKE a science-fiction platform for an abstract strike
Macao & Sale Docks


May 1st-8th, 2015 Milan/Venice

The work of the artist has no defined boundaries, nonetheless it has become paradigmatic within a productive model increasingly oriented to linguistic, relational and performative skills in which creativity is an essential managerial asset and terms like innovation and culture attract each other like magnets. The artist and the cultural worker have questioned their own role in the light of Postfordism, Neoliberalism, cognitive capitalism and so on. Artists often work for free, someone says that they are always at work even if they read a book, visit an exhibition, chat with friends at the bar and use social networks. For them, as for many others, the word strike sounds like a conundrum. How do you block the industry of culture? How do you damage the “event economy”? How do you overthrow finance and the algorithms that produced the crisis, impoverishing the workers and enriching the lobbies of speculators? The control over big data allows a massive profiling of social behaviours: collective intelligence is the newest and more important commodity for the capital. With algorithms, wealth is produced through a constant biopolitical monitoring. Is it possible to fight the financial abstraction with an abstract strike? AB-STRIKE is a platform set up by S.a.L.E. Docks and MACAO, a practice of subversive imagination, a laboratory of commons, a hotbed of actions, artworks, talents and debates that will come into being from the 1st to the 8th of May 2015, in Milan and Venice. In tune with the international mobilisations against “EXPO Milano 2015”, the platform tackles two different urban dimensions both characterised by the same primacy of the so called event economy. It is not by chance that this year the Venice Biennale choses an early opening and will run parallel to the Expo in Milan. Let’s re-imagine the concept of festival and artistic events. If creativity is the fuel of capital, let’s invent new forms of artists organisations that challenge the power through new languages and new forms of self-governance.

TALKS

PANEL 1 (@Macao) // 4th May 2015, 2.30 - 7.30 pm

The political value of new technologies and cultural innovation. Is the future political?
Adam Arvidsson, Franco Berardi BIFO, Stefano Lucarelli, Marco Sachy (D-Cent), Tiziana Terranova, Akseli Virtanen and Robin Hood Minor Asset Management Cooperative, and MACAO

Can technological innovation and decentralized models of Governance build commonfare, fighting new forms of military biopolitical control by the capital?

PANEL 2 (@S.a.L.E. Docks) // 7th May 2015, 5.30 – 8.30 pm

Let’s Strike! Towards an inter-continental platform for art and cultural workers
Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor, Noah Fischer/Artists as Debtor, Florian Schneider (Head of Trondheim Academy of Fine Arts), Roberto Ciccarelli (Researcher/Journalist),Natalya Pershina-Yakimanskaya (Gluklya), Anna Bitkina (Curator-TOK), Andrea Fumagalli (economist), Lorenzo Marsili e Luigi Galimberti (European Alternatives/Transnational Dialogues), Greg Sholette/Gulf Labor, Cooperativa Crater Invertido, Art Collaboratory, S.a.L.E. Docks, Macao and many others…

This round table brings together different perspectives on the issue of artists and cultural workers organisation, from the U.S. to Northern and Mediterranean Europe. We will start from issues such as: the effect of debt over the life of the artist. The necessity of inventing new models of production and forms of life against the neoliberal frame. The role of multinational art brands in the new global division of labour. The need for new methods of struggle and networking to go beyond the capturing devices of art institutions and creative industries.

PANEL 3 (@S.a.L.E. Docks) // 8th May 2015, 18.30 – 20.30

The Strike in the Age of Financial Abstraction
Antonio Negri (Philosopher), Matteo Pasquinelli (Independent Researcher), Marco Assennato (Independent Researcher), Florian Schneider (Head of Trondheim Academy of Fine Arts).

Abstraction is an ambiguous word, it doesn’t only describe a peculiar attitude towards the artistic sign, but also the capitalistic propensity to see work as the general equivalent. Today the storage of metadata and the use of complex algorithms by the capital, forces the multitudes to ask new questions about the efficacy of their political, linguistic and artistic practices.

WORKSHOPS

Workshop 1 (@Macao) // May 1st-5th

The famous Robin Hood Asset Management Cooperative opens office in Milan!
Robin Hood is the black sheep of activist hedge funds which bends powers of finance to the production and protection of the common. It uses capacities of finance to reopen the economic space. It reengineers financial technologies to see what more can finance do. The Robin Hood service strategy is the same as it was 600 years ago in Sherwood: attack the routes of wealth appropriated from the people, distribute the booty, big party. But the methods are a little different. Robin Hood does now big data, uses algorithms and blockchains, follows transactions at the U.S. stock exchanges, makes databanks of market actors, deconstructs them from individuals into dividuals, and shares their most important means of production to everyone. The Robin Hood team comes to Macao to work on the launch of the Hood Notes. The Hood Notes are a first generation non-cryptocurrency cryptoasset (Collaterilized Equity Note) backed up by the Robin Hood’s dynamic portfolio of stocks which imitates the emerging conventions of the financial oligarchy at the market. Nothing like has been done before. Welcome to the wild side of finance. The Milan office is open.
You are welcome to join, follow or take part in the work. Robin Hood Milan office workers, among others: Akseli Virtanen, Brett Scott, Tiziana Terranova, Benjamin Lozano, Pekko Koskinen, Dan Hassan, Emanuele Braga, Teppo Vesikukka, Harri Homi, Ana Fradique, Tere Vadén, Luca Guzzetti.

Workshop 2 (@S.a.L.E. Docks) // 6th May 2015, 2.30 – 6.30 pm

Points of Interruptions. A Strike Preparation Camp
Daniel Blanga-Gubbay (Aleppo)
A strike starts with the body: it starts from the position that a body takes in respect to the one it had to take. […]Then, an interruption is not simply the refusal to go along with the normal flow of things: the same gesture refigure the inclinations of the surface. It creates a deviation in the normative flows of things, opening up a gap between the permitted and the possible. Aleppo opens for a day a “Strike Preparation Camp”, a set of questions, readings and videos on the power of interruptions and the role of art as strike. The day is articulated as three Points of Interruption.
Introduction: is the strike an action or the interruption of an action? On flux and violence (introduction, video session and a reading group)
“Art Strike / Art as a Strike”. Discussion with Florian Schneider on “10 working points for artists in new divisions of labor”.
The Continuous Interruption: thinking interruption beyond the idea of exception.

ACTIONS

- Robin Hood Minor Asset Management Cooperative, minor asset management and MACAO.
The parasite: stealing money to financial markets in order to create the common. The Milano Operation takes on a critical issue: the systematic exploitation of volunteer work, with 8000 workers serving for Expo, their only payment being free meals.

- Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor
“We have yet to hear the Guggenheim’s public statement about this disturbing event”

-  ZEBRA (a laboratory on abstract strike in Macao)
Let’s imagine a future in which all we can create is already probably expected. The machines can calculate our behavior, our desire, our time. This future is now. How can we suspend this time, what is the point now for a strike? It means interrupting this cycle, forging an unexpected plot, changing the point of view. ZEBRA is a collective experiment that during Expo 2015 will explore the art of disappearing, of not being seen, of not being neither the rule nor the abnormal. We want to be out of the catalogue, besiege the imagination, reaffirm the force of desire and reclaim the future.
Co-created by Sara Leghissa and Francesca de Isabella (Strasse), Emanuele Braga and Maddalena Fragnito (Landscape Choreography), Camilla Pin, Luca Chiaudano, Cristina Rizzo, Monica Gentile, Leonardo Delogu and Valerio Sirna, Benno Steinegger, Nhandan Chirco and Branko Popovic (F.A.C.K platform), Isabella Mongelli, Livia Porzio, Paolo Gerbaudo, Roberta Bonetto, Silvia Calderoni and Ilenia Caleo, GianMaria Di Pasquale, Flora Vannini, Sarah Barberis, Alice Attala, Simone Evangelisti.

- Urban Image of a Citizen
Small urban actions appear in the crowds passing through the city. As sudden events, they generate breaks that qualify the time and the place where they happen, opportunities to destabilize flows relating them with a part that ceases to be invisible. The city as a permanent laboratory where cohabitation of artists, students and residents creates new paths, open spaces of suspension and new possibilities to the unexpected.The actions will be repeated in five different points of the city, adjacent to bridges and passageways.
Performers: Marianna Andrigo, Roberta Da Soller, Carlotta Bisello, Michela Solinas, Gea Polimeni. Part of OPEN# 7 Project in collaboration with Marianna Andrigo and the support of LiveArtsCultures.

- Curandi Katz
The work of Curandi Katz actualizes dynamics of interaction that move from private and intimate scale of personal desire towards a warm openness of mutuality, accountability and transparency between individuals, in formal and informal community, and in relation to intentional or unintentional institutions. It focuses on taking care with strategies that weave artistic forms with radical actions related to the realm of activism.

DISPLAY

@Sale Docks and @Macao
Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor, ZEBRA (a laboratory on abstract strike in Macao), Open#7/Spatial Device Group, Open#7/Awakening (photographers movement), Open#7/Scioper@! X Inciso

- Spatial Device
The assembly is read as an introductory tool in search of new strike methodologies. S.a.L.E. Docks spaces are interpreted as suitable for the creation of a permanent assembly. The space is reconfigured in reference to the Minoan theater, ancient place of meeting and cultural exchange. Assemblies, panel discussions, performances and artworks will enrich and complete the space.
OPEN#7 / Spatial Device group: Francesca Modolo & Alessandro Zorzetto (Rural Boxx), Roberto Dell’Eva, Piter Perbellini, Michela Solinas, Denise Bianco, Altea Bacchetti.
All the materials used during the construction are offered by ReBiennale project.
////////////////////////////////// by Festival FOLLE/Macao and S.a.L.E Docks //////////////////////////////////

AB-STRIKE
Una piattaforma fantascientifica per uno sciopero astratto.
1-8 maggio 2015

Il lavoro dell’artista è segnato da confini incerti, ciononostante è diventato paradigmatico all’interno di un modello produttivo sempre più votato alla capacità linguistiche, relazionali e performative in cui la creatività diventa uno strumento manageriale irrinunciabile e i termini innovazione e cultura si attraggono come calamite. L’artista e il lavoratore culturale hanno interrogato il proprio ruolo alla luce del Postfordismo, del Neoliberismo, del capitalismo cognitivo e così via. Sempre più spesso lavorano gratuitamente, qualcuno dice addirittura che lavorano sempre, anche quando leggono un libro, visitano una mostra, chiacchierano al bar, usano i social network. Per loro, come per molti altri, la parola sciopero suona come un enigma. Come si blocca la fabbrica della cultura? Come si produce un danno all’economia dell’evento? Come si rovescia la finanza che con i suoi algoritmi ha prodotto la crisi, impoverito il lavoro e arricchito i lobbisti della speculazione? Il controllo dei big data permette una enorme archiviazione di comportamenti sociali: l’intelligenza collettiva è la nuova e più importante merce per il capitale. Attraverso algoritmi si produce ricchezza mediante un quotidiano controllo biopolitico. È possibile opporre all’astrazione finanziaria uno sciopero astratto?
AB-STRIKE è una piattaforma predisposta da S.a.L.E. Docks e MACAO, un esercizio di immaginazione sovversiva, una fabbrica di algoritmi del comune, un laboratorio di commons, una fucina di azioni, opere, dialoghi che prenderà corpo tra l’1 e l’8 maggio a Milano e Venezia. In sintonia con le mobilitazioni internazionali contro l’Expo, la piattaforma interroga due dimensioni urbane diverse, ma entrambe caratterizzate da un ruolo primario nella cosiddetta “economia dell’evento” di cui l’Esposizione Universale rappresenta il catalizzatore di turno. Non è un caso che la Biennale d’arte scelga quest’anno di aprire quasi in contemporanea. Occorre Reinventare il concetto di Festival e, più in generale, quello di evento artistico. Se la creatività è la nuova veste del capitale, inventiamo forme di organizzazione di artisti che sfidano il potere attraverso nuovi linguaggi e nuove forme di autogoverno.

TAVOLE ROTONDE

PANEL 1 (@Macao) // 4 maggio 2015 14.30-19.30
Valore politico delle nuove tecnologie e dell’innovazione culturale. Il futuro è politico?
Adam Arvidsson, Franco Berardi BIFO, Stefano Lucarelli, Marco Sachy (D-Cent), Tiziana Terranova, Akseli Virtanen - Robin Hood Minor Asset Management Cooperative e MACAO
Quanto l’innovazione tecnologica e modelli decentralizzati di governance possono costruire commonfare, contrastando le nuove forme di militare controllo biopolitico del capitale?

PANEL 2 (@S.a.L.E. Docks) // 7 maggio 2015, 17.30 – 20.30
Scioperiamo! Verso una piattaforma intercontinentale per i lavoratori dell’arte e della cultura
Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor, Noah Fischer/Artists as Debtor, Florian Schneider (preside dell’Accademia di Belle Arti di Trondheim), Roberto Ciccarelli (ricercatore/giornalista),Natalya Pershina-Yakimanskaya (Gluklya), Anna Bitkina (Curator-TOK), Andrea Fumagalli (economista), Lorenzo Marsili e Luigi Galimberti (European Alternatives/Transnational Dialogues), Greg Sholette/Gulf Lobr, Cooperativa Crater Invertido, Arts Collaboratory, S.a.L.E. Docks, Macao e molti altri…
Questa tavola rotonda mette insieme prospettive diverse sul tema dell’organizzazione degli artisti e dei lavoratori culturali, dagli Stati Uniti fino all’Europa continentale e mediterranea. Temi centrali del dibattito saranno: l’effetto del debito sulla vita dell’artista. La necessità di inventare nuovi modelli di produzione e forme di vita contro il dispositivo neoliberale. Il ruolo dei brand artistici multinazionali nella nuova divisione globale del lavoro. Il bisogno di nuove forme di lotta e di networking di fronte al potere di cattura delle istituzioni artistiche e delle industrie creative.

PANEL 3 (@S.a.L.E. Docks) // 8 maggio 2015, 18.30 – 20.30
Lo sciopero nell’era dell’astrazione finanziaria
Antonio Negri (filosofo), Matteo Pasquinelli (ricercatore indipendente), Marco Assennato (ricercatore indipendente), Florian Schneider (preside dell’Accademia di Belle Arti di Trondheim).
Astrazione è una parola ambigua, non designa solo una particolare attitudine verso segno artistico, ma anche la capacità del capitale di trasformare il lavoro in equivalente generale. Oggi l’immagazzinamento di metadati e l’utilizzo di algoritmi sempre più complessi da parte del capitale impongono alle moltitudini di interrogarsi in merito all’efficacia delle loro pratiche politiche, linguistiche ed aritistiche.

WORKSHOP

Workshop 1 (@Macao) // 1-5 maggio
Robin Hood Minor Asset Management Cooperative apre un ufficio a Milano!
Robin Hood è la pecora nera dei fondi d’investimento che piega i poteri della finanza alla produzione e alla salvaguardia del comune. Utilizza le potenzialità della finanza per riaprire uno spazio economico. Ripensa le tecnologie per trovare come la finanza può essere più utile. La strategia di Robin Hood è la stessa di 600 anni fa a Sherwood: attaccare le strade dove passa la ricchezza sottratta al popolo, per redistribuire il bottino, e fare una grande festa. Ma i metodi sono un po’ diversi. Robin Hood fa uso dei Big Data, utilizza algoritmi e blockchains, segue le operazioni della borsa americana, accumula banche dati di operatori finanziari, li decostruisce da individui in dividui, e mette a disposizione di tutti i loro più importanti mezzi di produzione. Il team di Robin Hood arriva a Macao per lavorare sul lancio delle Obbligazioni Hood. Le Obbligazioni Hood sono una prima generazione di non-Criptomoneta: crypto-asset (Collateralized equity Note) sostenuta dal portafoglio dinamico di Robin Hood che imita le regole dell’oligarchia finanziaria di mercato. Niente di tutto ciò è mai stato fatto prima. Benvenuti nel lato selvaggio della finanza. L’ufficio di Milano è aperto.
Siete invitati a partecipare, seguire o prendere parte ai lavori. Tra gli altri, impiegati a Robin Hood Milano: Akseli Virtanen, Brett Scott, Tiziana Terranova, Benjamin Lozano, Pekko Koskinen, Dan Hassan, Emanuele Braga, Teppo Vesikukka, Harri Homi, Ana Fradique, Tere Vaden, Luca Guzzetti.

Workshop 2 // 6 maggio 2015, 14.30 – 18.30
Punti di interruzione: Strike Preparation Camp
Daniel Blanga Gubbay (Aleppo)
Uno sciopero inizia con il corpo: inizia dalla posizione che il corpo assume in relazione ad una stabilita in precedenza ][…]. Allora un’interruzione non è semplicemente il rifiuto di proseguire con il normale flusso delle cose: lo stesso gesto re-figura le inclinazioni della superficie. Crea una deviazione nel flusso normativo delle cose, aprendo uno spazio tra ciò che è permesso e ciò che è possibile. Aleppo apre per un giorno lo “Strike Preparation Camp”, un insieme di domande, letture e video sul potere delle interruzioni e sul ruolo dell’arte come sciopero. La giornata si articola in tre punti di interruzione:
In che modo l’interruzione pone in questione l’idea di flusso automatico, e qual’é il ripensamento della violenza in questo contesto. (perché parliamo di violenza dell’interruzione e non di violenza della norma)
“Sciopero artistico / L’arte come sciopero”. Dialogo con Florian Schneider sul suo testo “10 Working Points For The Artist In The New Division of Labour”.
L’interruzione continua: pensare l’interruzione oltre l’idea d’eccezione.

AZIONI

- Robin Hood Minor Asset Management Cooperative and MACAO
Il parassita: sottrarre denaro ai mercati finanziari per creare il comune
Questa operazione riguarda una questione critica: il sistematico ricorso al lavoro gratuito, con più di 8000 volontari impiegati da Expo2015 s.p.a. per la realizzazione del grande evento, il cui unico rimborso consiste in buoni pasti.

- Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor
“We have yet to hear the Guggenheim’s public statement about this disturbing event”

- ZEBRA (un laboratorio sullo sciopero astratto a Macao)
Immaginiamo un futuro in cui tutto ciò che possiamo produrre è già stato probabilmente previsto. Le macchine possono calcolare il nostro comportamento, il nostro desiderio, il nostro tempo. Questo futuro è già ora. Come si può sospendere questo tempo. Pensare ad uno sciopero è poter interrompere questa storia, creare una narrazione imprevista, ribaltare il punto di vista, costruire alternativa praticabile. ZEBRA è un laboratorio su EXPO2015 con l’obiettivo di non essere visti, di non essere cioè né nella norma né nell’abnorme. Vorremo uscire dal catalogo, occupare l’immaginario, riaffermare la potenza del desiderio e riappropriarci del futuro.
Co-created by Sara Leghissa and Francesca de Isabella (Strasse), Emanuele Braga and Maddalena Fragnito (Landscape Choreography), Camilla Pin, Luca Chiaudano, Cristina Rizzo, Monica Gentile, Leonardo Delogu and Valerio Sirna, Benno Steinegger, Nhandan Chirco and Branko Popovic (F.A.C.K platform), Isabella Mongelli, Livia Porzio, Paolo Gerbaudo, Roberta Bonetto, Silvia Calderoni and Ilenia Caleo, GianMaria Di Pasquale, Flora Vannini, Sarah Barberis, Alice Attala, Simone Evangelisti.
.
- Urban Image of a Citizen
Azioni urbane, piccole, solitarie, si introducono nelle folle che attraversano la città. Come eventi improvvisi, generano interruzioni che qualificano il momento e il luogo in cui accadono, occasioni per destabilizzare i flussi mettendoli in relazione con una parte che cessa di essere invisibile. La città come laboratorio permanente in cui il coabitare di artisti, studenti e residenti crea nuove traiettorie, apre spazi di sospensione e nuove possibilità all’inatteso. L’azione performativa si ripeterà in 5 punti diversi della città, adiacenti a ponti e zone di passaggio.
Performer: Marianna Andrigo, Roberta Da Soller, Carlotta Bisello, Michela Solinas, Gea Polimeni. Progetto OPEN#7 nato dalla collaborazione di Marianna Andrigo e il sostegno di LiveArtsCultures.

- Curandi Katz
Il lavoro di Curandi Katz attualizza le dinamiche d’interazione che muovo da una scala intima di desiderio personale verso l’apertura della mutualità, responsabilità e trasparenza tra gli individui attraverso azioni che hanno luogo in comunità formali e informali e in relazione a istituzioni intenzionali o non intenzionali. La loro pratica si costruisce sull’atto del “prendersi cura”, grazie a strategie in cui forme artistiche s’intrecciano con azioni radicali proprie dell’ambito attivista.

DISPLAY
@Sale Docks e @Macao
Global Ultra Luxury Faction/Gulf Labor, ZEBRA (un laboratorio sullo sciopero astratto a Macao), Open#7/Gruppo Dispositivo SPaziale, Open#7/Awakening (photographers movement), Open#7/Scioper@! X Inciso
- Dispositivo Spaziale
L’assemblea intesa come strumento propedeutico alla ricerca di nuove metodologie di sciopero. Lo spazio del S.a.L.E. Docks interpretato come luogo adatto alla creazione di un’assemblea permanente. Lo spazio viene riconfigurato in riferimento al teatro minoico, antico luogo di incontro e scambio culturale. Assemblee, tavole rotonde, performances e opere d’arte arricchiranno e completeranno lo spazio.
Un progetto OPEN#7 / gruppo Dispositivo Spaziale: Francesca Modolo & Alessandro Zorzetto (Rural Boxx), Roberto Dell’Eva, Piter Perbellini, Michela Solinas, Denise Bianco, Altea Bacchetti.
Tutti i materiali utilizzati per la realizzazione provengono dal progetto ReBiennale.

////////////////////////////////// by Festival FOLLE/Macao e S.a.L.E. Docks

RUBRICHE
EVERYDAY
ARCHIVIO VIDEO
FRANCO BERARDI BIFO - EXPOWHAT
MATTEO PASQUINELLI - EXPOWHAT
ADAM ARVIDSSON - FARE PUBBLICI
BERTRAM NIESSEN - FARE PUBBLICI
ANDREA FUMAGALLI - FARE PUBBLICI
MAURIZIO LAZZARATO - FARE PUBBLICI
MARCO SCOTINI - FARE PUBBLICI
TIZIANA VILLANI - FARE PUBBLICI
ROTOR - FARE PUBBLICI
OFFTOPIC - FARE PUBBLICI
UGO LA PIETRA - FARE PUBBLICI
ILENIA CALEO - FARE PUBBLICI
ELISA DEL PRETE - FARE PUBBLICI
MARCO BARAVALLE - FARE PUBBLICI
TIZIANA TERRANOVA - COMMONCOIN
CARLO VERCELLONE - COMMONCOIN
ANDREA FUMAGALLI - COMMONCOIN
JAROMIL - COMMONCOIN
MARCO SACHY - COMMONCOIN
MARCO GIUSTINI - COMMONCOIN
DIEGO WEISZ e EMANUELE BRAGA - COMMONCOIN
CHRISTIAN MARAZZI - COMMONCOIN
STEFANO LUCARELLI - COMMONCOIN
GIORGIO GRIZIOTTI - COMMONCOIN
MASSIMO AMATO - COMMONCOIN
DIBATTITO - COMMONCOIN
GIORGIO CREMASCHI - EXPOWHAT
EMANUELE BRAGA - EXPOWHAT
Geert Lovink - PIATTAFORME DEL CAPITALE
Brett Nielsen - PIATTAFORME DEL CAPITALE
Ned Rossiter - PIATTAFORME DEL CAPITALE
Nick Srnicek - PIATTAFORME DEL CAPITALE